info@forvezeta.it

home
giro mondo 2017-2020
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

grecia 2015
cipro 2015
turchia 2015
giordania 2015
israele 2015
egitto 2015
oman 2015
sri lanka 2015
seychelles 2015
madagascar 2015
mauritius 2015
malesia 2015
indonesia 2015
fiji 2015
australia 2015
nuova zelanda 2016
tonga 2016
bolivia 2016
peru 2016
ecuador 2016
colombia 2016
galapagos 2016
cile 2017
patagonia 2017
argentina 2017

 

SRI LANKA
 

Lo Sri Lanka è chiamata "lacrima dell'India" per la sua forma ma anche per le radici storiche della popolazione che vi si è insediata. I Cingalesi furono i primi ad arrivare dall'India, circa 2500 anni fa mentre i Tamil, vi emigrarono nel XIII secolo. I primi di religione buddhista ed i secondi di religione hindù han sempre avuto problemi di convivenza, sfociati in rivendicazioni di sovranità e rappresaglie. Sotto il dominio britannico la situazione non degenerò mai ma quando nel 1948 Ceylon divenne indipendente, il governo cingalese iniziò a discriminare i Tamil con una serie di questioni sociali e religiose. Nel 1972 il nome venne cambiato in Sri Lanka e le tensioni sfociarono negli anni ottanta con una guerra civile che continuò per oltre venti anni, con stime che parlano di centomila morti. Ad affievolire gli scontri è stato l'evento catastrofico dello Tsunami del 26 Dicembre 2004, che distrusse le coste con 40.000 morti. La fine della guerra è datata 17 Maggio 2009 con le Tigri Tamil accerchiate, durante un violento scontro con l'esercito e la morte del leader e fondatore Prabhakaran. Lo stato di emergenza è stato rimosso nel 2011, la situazione si è normalizzata in tutto il paese, che deve però fare i conti con una povertà ancora molto diffusa.

________________________________________________
COLOMBO

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(19)-12/04/2015 aereo Salalah-Dubai-Colombo: Dal piccolo aeroporto di Salalah arrivo a Dubai in due ore ed approfitto del lungo intervallo per regalarmi una bella macchina fotografica e bere una birra. In Oman è stato impossibile trovare un goccio di alcol e non vedevo l'ora di sedermi e gustare una fresca pinta. Mi son dovuto accontentare di una normale lager in lattina, che mi è rimasta sullo stomaco per il salasso. Volo Emirates su Colombo, la più grande e popolata città dello Sri Lanka e capitale fino al 1978, quando il parlamento venne spostato alla vicina Kotte. Descrivere Colombo è semplice, poverissima nei quartieri Pettah e Fort, nuova e sfavillante su tutta la Galle road, che costeggia il mare. I quartieri poveri richiamano in tutto le città dell'India dove i mercati sono circondati da immondizia puzzolente, gli homeless vagabondano alla ricerca di qualche scarto nei rifiuti e lo sporco è onnipresente in ogni angolo. Non fossi stato in India sarei alquanto schifato e restio ad entrare in certe zone, ma l'esperienza forte, maturata in diciotto mesi di permanenza, mi permette di vivere la strada, vedere situazioni di estremo disagio ed interagire senza nessun problema. La zona costiera di Galle road è esclusiva dei turisti e dei grandi alberghi, pulita, ordinata, presidiata, laghetto e giardini curati, insomma l'altra faccia della medaglia. Bella anche tutta la zona delle ambasciate con larghi viali ed alberi secolari. I trasporti sono regolati da bus vecchissimi ma accessibili, perlomeno sono puliti ed a costo irrisorio, e dalle migliaia di tuk tuk, il classico Ape a tre ruote. Da vedere a Colombo non c'è molto, si va da qualche museo agli immancabili templi, ma niente di eclatante a parte il Gangaramaya, originale rispetto agli altri, con straordinaria collezione  di gioielli offerti dai fedeli. Ad una decina di km dalla città si trova uno tra i più famosi templi dello Sri Lanka e visitato da milioni di fedeli, il Kelaniya Raja Maha Vihara. Le cronache raccontano che in questo luogo sacro, nel 500 a.c. Buddha fece una visita su invito del re Maniakkhika ed a testimoniarlo vi era una stupa con i capelli, il trono usato per pregare e le posate utilizzate per il pasto. Distruzioni del luogo da parte degli invasori indiani, portoghesi e tedeschi hanno disperso le reliquie ma restano molti affreschi a documentare l'evento. Questo primo impatto con lo Sri Lanka non mi ha deluso, molti sconsigliavano una permanenza a Colombo, invece devo dire che ho trovato una città interessante, da scoprire in ogni angolo, con bei parchi, uno scenico laghetto ed un lungo mare in via di espansione.

________________________________________________
KANDY

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(20)-16/04/2015 treno Colombo-Kandy: Per non partire di primo mattino, scelgo il treno semi-express delle 12:40, il più lento della giornata e probabilmente anche il più pieno. La gente è stipata persino nei corridoi centrali ed all'ennesima fermata, un gruppetto trasborda direttamente da un altro treno. Non essendoci posto, ci si accontenta di restare aggrappati all'esterno, rischiando non poco. Il tragitto è tutto nel verde, inizialmente tra coltivazioni e palmeti e poi quando si inizia a salire verso i 465 metri di Kandy, si trasforma in stupendo panorama, con vegetazione fittissima e vista impagabile sulla vallata. La velocità si riduce sensibilmente fino a toccare 8 km orari e la destinazione si raggiunge dopo ben tre ore e quaranta minuti. In Sri Lanka i trasporti non mancano, tutte le località sono collegate da treni o da un'infinità di bus, il prezzo va da 0,10 ad 1,50 euro, ma bisogna avere pazienza ed adattarsi. Kandy fa parte del triangolo culturale, attorno allo scenico laghetto artificiale si trovano diversi templi, tra cui il Dalada Maligawa che conserva la reliquia più preziosa dell'isola: il dente sacro del Buddha. La leggenda narra che alla morte del Buddha, il suo corpo fu cremato su una pira di legno a Kusinara in India ma venne salvato dal rogo il dente canino sinistro. Dopo diverse contese e luoghi di conservazione, alla fine arrivò a Kandy ed ogni giorno una folla impressionante viene in pellegrinaggio, portando come dono fiori di loto. Ho visto molta devozione all'interno delle sale e mi sono anche un filino vergognato (solo dopo!) perchè tra i molti fedeli ero forse l'unico che era lì solo per una semplice visita, intento a scattare fotografie. Anche se caotica per via del grande afflusso, questa cittadina è un gioiellino con splendide colline ricche di palme, alberi di mango e vegetazione tropicale ed una vista incantevole sul lago e sulle catene montuose. Su una di queste c'è il Mahabodhi Maha Viharaya, tempio gestito da monaci, con un Buddha gigante che domina la vallata. Per diversificare, ho scelto di visitare due oasi di pace, particolari e molto belle, il Royal Botanic Gardens e la Royal Forest Park Udawattakele. Il primo è il più grande giardino botanico dello Sri Lanka ed il secondo è un parco forestale protetto, che salvaguarda una delle poche foreste ancora intatte. Lascio Kandy veramente soddisfatto, questa isola verde mi sta sorprendendo, senza fronzoli e sfarzi ti cattura con il paesaggio, ricco di piante, fiori e magici scenari.

________________________________________________
DAMBULLA

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(21)-19/04/2015 bus Kandy-Dambulla: Il bus è strapieno e l'autista vedendomi arrivare con il mega-zaino, mi invita a prendere posto sul vano centrale, dove c'è il cambio marce. Se per il bagaglio è una posizione ottimale, per le persone è una vera sofferenza, visto il calore che sprigiona. Resisto oltre un'ora fino a quando si libera un posto, per la soddisfazione delle mie chiappette, che ritrovano la giusta temperatura. Mentre guardo il paesaggio, sempre bello e selvaggio, mi rendo conto che i primi 100 giorni son volati via ed il sogno continua a Dambulla, una settantina di km da Kandy. Sono nella parte centrale dello Sri Lanka e faccio tappa in questa tranquilla città per visitare il Tempio d'oro e le grotte millenarie Sigiri Kassapa Maha Pirivena. Il maestoso Buddha che è ai piedi della collina, con i suoi 30 metri di altezza si vanta di essere il più grande al mondo ed è stato ultimato nell'anno duemila. A parte questo, niente che richiama al Golden Temple, che di oro ha solo il colore e nessun motivo per i fedeli per classificarlo tra gli imperdibili. La maggior parte si avvia direttamente alla scalinata che porta alle grotte, per arrivarci si devono affrontare circa 350 gradini. Le cinque grotte scavate nella roccia, patrimonio dell'Unesco, risalgono al primo secolo a.c., contengono 153 statue del Buddha e 2.100 metri quadrati di dipinti. Particolare la grotta del Divino Re, con il Buddha steso di 14 metri scolpito direttamente dalla roccia e con all'entrata una incisione Brahmi sulla fondazione del monastero. Nelle altre quattro grotte si susseguono raffigurazioni del Buddha in varie posizioni, affreschi inerenti la sua vita, tre statue di Re e quattro di altre divinità. Anche questo angolo di Sri Lanka mi è piaciuto e notevole pure il panorama che spazia a 360 gradi.

________________________________________________
SIGIRIYA

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(22)-21/04/2015 tuc tuc Dambulla-Sigiriya: Sono solo venti i km per arrivare a Sigiriya ed opto per il tuc tuc che in mezz'ora mi porta a destinazione. Trovo un nugolo di case, molte adattate ad alloggi e spacciate per guesthouse e una collina di roccia che spunta dal verde della foresta. L'altezza della collina è di 370 metri, è composta da una placca magmatica di un vulcano eroso ed ha una sommità piatta, dove contiene i resti del palazzo maggiore, risalente al V secolo d.c. Questo patrimonio dell'Unesco è considerato da molti l'ottava meraviglia del mondo moderno, ha un costo del biglietto elevato perchè oltre all'unicità del luogo, c'è un'opera di conservazione continua. Dopo aver attraversato i bei giardini inizia la scalinata di roccia fino ad arrivare, tramite una scala in acciaio, ad una terrazza dove sono visibili alcuni affreschi. Si ridiscende e si affronta un'altra parte mista tra roccia e acciaio fino ad arrivare di fronte alla Porta dei Leoni, dove si può ammirare quel che è rimasto dell'enorme testa di leone. Dalla porta di ingresso al palazzo, ripida salita su suggestiva scala d'acciaio per arrivare al punto più alto della roccia con le rovine emerse dagli scavi archeologici. Devo dire che il rosso dei mattoni ed il verde dell'erba creano un'immagine da cartolina, ed il silenzio del luogo permette di godere intensamente il fantastico panorama. Sigiriya oltre al sito archeologico offre un'altra collina di pari altezza, la Pidurangala, meno curata, con oltre 600 gradini naturali ed un tempio con un Buddha in mattoni. Tutta la zona è immersa nella foresta equatoriale e passeggiando tra i sentieri ci si imbatte in tantissimi animali, con il sottofondo assordante di corvi, scoiattoli, scimmie, uccelli e cicale. Questo è veramente un posto eccezionale, che va vissuto rimanendo in loco almeno due giorni, per stare immersi nella natura ed a contatto con la gente, cordiale, sorridente e curiosa.

________________________________________________
ANURADHAPURA

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(23)-24/04/2015 bus Sigiriya-Dambulla-Anuradhapura: Un bus confortevole mi porta a nord di una ottantina di km e 205 da Colombo, per visitare Anuradhapura, la città sacra ed antica capitale. La città venne costruita intorno allo Sri Maha Bodhi, il fico sacro che si ritiene originato da un ramo discendente dall'originale di Bodh Gaya in India, sotto il quale Buddha meditando raggiunse l’illuminazione. Attecchito nel 288 a.c. e ancora esistente, l’albero di Bodhi si ritiene sia il più antico trapiantato dall’uomo. La città è stata consacrata dal mondo buddhista ma è altresì importante per l'induismo, per essere stata capitale del re Asura Ravana, uno dei protagonisti del testo sacro hindu Ramayana.  Il sito archeologico ricopre un'area di circa 40 km² e comprende edifici sacri come i dagoba, santuari buddhisti a cupola in mattoni rossi, templi hindu, monasteri e le pokuna, vasche per l'acqua potabile. Personalmente ho apprezzato l'area del Bodhi sacro per la spiritualità e devozione dei fedeli e Jetavanarama, la dagoba in mattoni rossi originali considerata la più grande al mondo di questo genere. In particolar modo invece ho vissuto la bellissima area verde che circonda Anuradhapura, grazie alla bicicletta a nolo. Il primo giorno ho girovagato tra le rovine dell'antica civiltà seguendo l'itinerario archeologico, mentre il secondo sono andato alla scoperta di stradine di campagna, tra risaie, laghetti, fiumi e parchi. Ho constatato che la gente del posto apprezza il turista in bicicletta ed è prodiga di sorrisi e saluti ed allora ne ho approfittato per catturare foto e fermarmi a riprendere fiato, non disdegnando qualche baracchino di bevande, visto il caldo soffocante.

________________________________________________
TRINCOMALEE

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(24)-27/04/2015 bus Anuradhapura-Trincomalee: Il bus delle 150 fermate riesce ad impiegare tre ore e mezza per percorrere i cento km che separano Anuradhapura da Trincomalee. Arrivo nella cittadina del North Eastern e trovo pure la sorpresa del wifi non funzionante nell'albergo. Il primo impatto non è dei migliori anche perchè, dopo una breve passeggiata sul lungomare ed in centro, non sono per niente soddisfatto, il mare è schifoso, le spiagge sono sporche e tutto sembra degradato. Il mattino seguente è bastato togliersi dalla zona centrale e tutto è cambiato magicamente. In fin dei conti la location è carina, con il mare che entra nelle varie insenature e crea un mix di colori con l'azzurro del cielo ed il verde della vegetazione. La zona della marina militare e fort Frederick si specchiano nell'acqua limpida ed il bel tempio Thirukoneswaram, posizionato sulla collina, offre la vista su Uppuveli, una delle spiagge più belle del nord. Qui fino a poco tempo fa c'era il fronte della guerra civile ed in alcuni punti si vede ancora il filo spinato. Da questa parte esterna di Trincomalee ho proseguito camminando sulla spiaggia, passando tra barche, reti e case estremamente povere dei pescatori. E' un angolo incontaminato che non brilla per pulizia, ma qui si vive di sola pesca e tutti sono uniti per cercare di sfamare le famiglie con il mare. Mi son divertito ad ammirare la loro quotidianità, ho seguito tutta la fase di ritiro delle enormi reti, durata oltre due ore. Ventiquattro persone, 12 da un capo e dodici dall'altro, hanno faticato parecchio sotto un sole cocente, per portare a casa quattro pesci. Più fortunato invece l'altro gruppo che ha riempito quattro cestoni di pesciolini, molto richiesti per la loro bontà. Oltre le case dei pescatori inizia la spiaggia di Uppuveli, bel mare, acqua caldissima  e qualche accenno di turismo con un paio di resort. 

________________________________________________
POLONNARUWA

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(25)-30/04/2015 bus Trincomalee-Dambulla-Polonnaruwa: Dopo la parentesi di Trincomalee, riprendo la via verso il North Central per completare il tour delle ex capitali del triangolo  culturale. Polonnaruwa subentrò a Anuradhapura come capitale nel XI secolo d.c. e si impreziosì di palazzi, templi e sculture. Venne creata una città giardino nella foresta e tutto l'attuale sito archeologico fa riferimento a quell'epoca gloriosa. Si tratta di uno dei meglio conservati al mondo, con templi impreziositi da enormi statue del Buddha in tutte le posizioni. Il più bello è Gal Vihara, tempio di roccia nera, con tre statue di granito del Buddha scolpite nella pietra in posizione sdraiata, in piedi ed in meditazione. Tra le alte pareti in mattoni del Lankatilaka è conservato l'imponente statua del maestro e nell'Atadage vi era il dente del Buddha, che ora si trova a Kandy. E' tutto compreso in un area di 12 km², più piccola rispetto ad Anuradhapura, ma più vera, con tanti reperti originali e molte statue. E bello anche il piccolo museo con statuette in bronzo di Shiva e Parvati, a dir poco meravigliose, risalenti alla fine del primo millennio. Ormai mi sono affezionato alla bicicletta ed anche qui, per due giorni, ho spaziato tra la storia e la vita di tutti i giorni, incamerando immagini che resteranno per sempre nei ricordi. Come dimenticare il torrente putrido con la mucca a monte ed a poca distanza bambini che giocano nell'acqua, donne che lavano i panni ed uomini che si lavano con tanto di sapone?

________________________________________________
ELLA

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(26)-02/05/2015 bus Polonnaruwa-Mahiyanganaya-Badulla-Ella: I primi venti giorni in Sri Lanka li ho dedicati al triangolo culturale, restando nella grande area centrale, pianeggiante e ricca di foreste. Per concludere in bellezza mi sposto a sud di 180 km per salire in quota, in mezzo alle grandi piantagioni di tè. Ella è un piccolo paese nella regione UVA, nel sud est dell'isola, si trova a 1041 mt di quota ed è circondata dalle piantagioni insediate dagli inglesi nel 1800. E' impossibile muoversi senza incontrare le vaste distese delle piantine preziose, tutte le colline sono state disboscate e riconvertite in piantagioni, strade e sentieri si incuneano nel verde perenne e regalano panorami unici. La gente del posto vive di questo spettacolo, o direttamente impegnata nella raccolta e produzione o con il turismo, che ha fatto proliferare guesthouse ed indotto. Il paese è indecente, le strade in condizioni pessime ed una via centrale polverosa o fangosa, a secondo del meteo, ma quello che ci sta intorno è veramente fantastico. Belle passeggiate ripagano la scelta di arrivare ad Ella e se si vuol vivere ancora di più la zona, basta prendere il treno che si incunea tra montagne e piantagioni e sognare ad occhi aperti.

________________________________________________
NUWARA ELIYA

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(27)-05/05/2015 treno Ella-Nanu Oya+tuc tuc Nuwara Eliya: Il tratto ferroviario da Ella a Nanu Oya è tra i più suggestivi per la vista sulle piantagioni da tè e per l'altitudine. Buona parte è un susseguirsi di panorami sulle vallate, poi quando si tocca il punto più alto a 1888 mt, la vista viene offuscata dalla nebbia.  Per godermi lo spettacolo ho prenotato posto in prima classe nella carrozza panoramica, ed anche se la media è stata di 20 km orari, non mi son per niente annoiato. Nuwara Eliya è chiamata Little England per le caratteristiche case coloniali in mattoni e tetto in legno e per le numerose piantagioni da tè. Inoltre ci sono il campo da golf, l'ippodromo, un bellissimo parco e grandi alberghi, che uniti al clima fresco ed umido ricordano praticamente una cittadina del regno unito. Situata a 1896 mt. sulle rive del lago Gregory è dominata dalla cima del monte Pidurutalagala, la più alta dell'isola. Le piantagioni da tè sono tra le più famose al mondo e da qui partono milioni di kg in grossi sacchi, che poi vengono trasformati nelle piccole bustine delle più note marche mondiali. Proprio a Nuwara Eliya è nata la prima tea factory dello Sri Lanka nel 1885 ed è quella che ho avuto il piacere di visitare. Pedro Estate Tea Factory trasforma le foglie ancora nella struttura del XIX secolo con macchinari e tecniche originali. Interessantissima la visita per capire cosa c'è dietro alla bustina che ci ritroviamo nella tazzina e quanto sia lungo il processo per arrivare al prodotto finito. Le foglie sempreverdi di Camellia Sinensis vengono prodotte da una pianta legnosa, che di norma viene tenuta bassa per agevolare il lavoro delle raccoglitrici. Una volta raccolte, le foglie vengono messe in grossi sacchi ed inviate alla tea factory, per essere avviate alle diverse fasi di trasformazione. Dalla stessa foglia si ottengono tutti i tipi di tè, cambia solo il trattamento per arrivare al tè verde, nero, bianco, ecc.  Il bravo accompagnatore dell'azienda Pedro ha spiegato il processo del tè nero, che parte con l'appassimento delle foglie su grossi nastri metallici, in ambiente ventilato naturalmente per 24 ore. Così facendo si riduce la presenza di acqua del 50%, rendendole morbide e pronte per essere arrotolate per la reazione chimica necessaria all'ossidazione. Le foglie ancora verdi vengono posizionate su appositi ripiani e messe nella camera di fermentazione per circa due ore ed al termine assumono un colore scuro, per la reazione tra enzimi ed ossigeno. Quindi per l'esposizione a 90° per mezz'ora avviene l'essiccazione e le foglie diventano nere e secche, facili da frammentare e selezionare. In più fasi di tritatura con grosse macchine rotanti, si arriva al prodotto finito torrefatto e setacciato, per avere la famosa polverina finissima e pronta per il commercio. Oltre alla visita alla factory che era la cosa primaria, avevo in programma di arrivare alla cima del monte più alto dello Sri Lanka, ma non avevo fatto i conti con il meteo tipico della montagna associato al clima tropicale. Per tre giorni è venuta giù tanta di quell'acqua che era persino impossibile uscire dall'albergo, le strade si sono trasformate in fiumi e solo a sprazzi ho potuto fare qualche passeggiata. Peccato perchè il posto è veramente incantevole ma ciò non modifica il giudizio complessivo sullo Sri Lanka, dove sono stato benissimo ed ho potuto vedere con calma ambienti incontaminati, non ancora presi d'assalto dal turismo di massa. E' certamente un viaggio che ricorderò per i paesaggi e le bellezze della natura ma anche per  le guesthouse economiche ed il contatto cordialissimo con la gente. Non scorderò certamente i tratti in bus, in grado di portarti in ogni angolo dell'isola al costo irrisorio di due euro, alla media di 30 km all'ora e fermate ogni 500 metri, mentre il treno nelle zone delle piantagioni da tè e dopo Kandy è semplicemente uno spettacolo. Finisce qui questo mese, passato in fretta, con tanta serenità nel segno delle camminate e delle uscite in bicicletta, tra viuzze e campi di riso. Bella vita.

VEDI ALTRE TAPPE DEL GIRO DEL MONDO IN 800 GIORNI

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------