info@forvezeta.it

home
2° giro del mondo
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

grecia 2015
cipro 2015
turchia 2015
giordania 2015
israele 2015
egitto 2015
oman 2015
sri lanka 2015
seychelles 2015
madagascar 2015
mauritius 2015
malesia 2015
indonesia 2015
fiji 2015
australia 2015
nuova zelanda 2016
tonga 2016
bolivia 2016
peru 2016
ecuador 2016
colombia 2016
galapagos 2016
cile 2017
patagonia 2017
argentina 2017

 

 

MADAGASCAR
 

Il Madagascar è la quarta più grande isola del mondo ed è situato nell'oceano Indiano, al largo della costa africana, di fronte al Mozambico. Ha uno straordinario grado di endemismo della specie animale con lemuri, camaleonti, tartarughe, gechi e farfalle. Per quanto riguarda la specie vegetale, ben otto tipi di baobab, centosettanta di palme, un migliaio di orchidee, tra cui quella che si ricava la vaniglia e molte piante carnivore. Endemica è pure la malaria con un tasso di mortalità elevato, in particolar modo tra i bambini al di sotto dei cinque anni. Il Madagascar viene anche chiamato isola rossa per il colore rosso intenso del terreno ricco di ferro, ha un altopiano centrale con valli fertili e risaie. Grande due volte l'Italia ha ventidue milioni di abitanti, di cui oltre la metà under diciotto e due terzi che vivono sotto la soglia di povertà. E' tra le nazioni più povere al mondo ed il crescente senso di insicurezza e disperazione, ha determinato un elevato numero di furti, rapine ed aggressioni.

________________________________________________
ANTANANARIVO

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(31)-331/05/2015 aereo Victoria-Antananarivo: Meno di tre ore di volo per arrivare nella capitale del Madagascar e trovare un clima fresco ed asciutto. Antananarivo si trova sull'altopiano centrale a 1400 mt. ed in questo momento è in pieno inverno australe. Le temperature di giorno oscillano intorno ai venti gradi mentre di notte scendono sensibilmente, arrivando anche sotto i dieci. I servizi pubblici sono inesistenti e per arrivare in città mi faccio accompagnare da un signore che bazzica in aeroporto. Saliamo posteriormente su un trasandato pulmino tipo Fiat Ducato, mi siedo vicino ad un ragazzo intento ad accarezzare un bel gallo da combattimento, che potrebbe anche essere all'ultimo viaggio. Percorso tra i sobborghi poveri della città, che mettono i brividi solo a guardarli e primo impatto forte con Antananarivo nel tratto a piedi verso l'albergo. Turisti ce ne sono pochi ed i bianchi che incrocio si contano sulle dita di una mano ed il mio accompagnatore mi catechizza subito sul come muovermi in città. Niente borse, cellulari, macchine fotografiche, orologi e catenelle, soldi e passaporto nascosti sotto gli indumenti ed al calar della sera chiuso in albergo, per via della grossa delinquenza. Ci devo comunque convivere e l'indomani, con le dovute cautele, mi addentro per viuzze strapiene di ambulanti, con oggetti di ogni genere appoggiati sui marciapiedi. Mi concedo solo la piccola macchina fotografica tascabile per rubare qualche imagine ed assisto al disperato tentativo di un giapponese per trattenere il borsello. Una signora anziana si è letteralmente agganciata alla cinghia a tracolla e sta aggredendo il malcapitato, alla presenza di una ventina di persone. In questo clima, non perdo comunque occasione di vedere la città, che ha i punti più belli e panoramici nella parte alta, dove svetta il palais de la Reine. Per il resto solo miseria e povertà, gente che vive per strada, tanti bambini e molte ragazze madri, giovanissime e tristi. In attesa di partire, destinazione sud del paese, inizio la profilassi antimalarica e mi convinco sempre più di aver fatto cosa giusta nel affidarmi, per la prima volta, ad un tour operator. Una macchina a mia completa disposizione ed una guida personale, mi accompagneranno per il resto della permanenza in Madagascar, che a detta di tutti, offre paesaggi unici, da vera Africa.

________________________________________________
ANDASIBE

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(32)-304/06/2015 suv Antananarivo -Andasibe: Con un comodo suv e Jo, autista malgascio che parla perfettamente l'italiano, lasciamo la capitale e ci dirigiamo ad est per visitare uno dei più importanti parchi del Madagascar. Sono solo 150 km ma bastano per capire che tutti i trasferimenti non saranno semplici. Strade in un susseguirsi di saliscendi, curve infinite, una sola corsia di marcia per direzione e velocità molto bassa si uniscono ad un fondo stradale sconnesso e pieno di buche, da non consigliare a chi soffre il mal d'auto. Per fortuna la guida del mio driver è molto buona e sicura, cosa fondamentale su queste strade dove i taxi collettivi sfrecciano a velocità sostenuta ed i camion procedono come le lumache. Come primo approccio alle visite dei vari parchi, iniziamo dalla Exotic Reserve Peyrieras, dove faccio la prima conoscenza di lemuri, camaleonti, coccodrilli, gechi, serpenti e farfalle. La riserva più importante è la Mantadia National Park, nota anche come Perinet, che si estende su 810 acri, tra gli 800 ed i 1200 mt di altitudine, in una foresta ricca di biodiversità e specie endemiche, tra cui undici di lemuri. Qui vivono protetti e controllati da sistemi elettronici, i rari Indri Indri, unici per il colore bianco-nero e tra i lemuri più grossi. A causa del basso tasso riproduttivo, sono stati inseriti tra le 100 specie di mammiferi a rischio di estinzione. Non sempre è possibile scovarli tra gli alti alberi della foresta, fortunatamente grazie alla ragazza che mi ha fatto da guida, li ho potuti ammirare e fotografare. Una delle caratteristiche delle riserve in Madagascar è che oltre al biglietto di ingresso, devi sempre avere una guida del parco che ti accompagna. Per completare l'itinerario naturalistico, un magnifico resort sperduto tra le montagne, dove ero l'unico cliente, mi ha fatto passare le serate con la lampada a petrolio, per l'uso del generatore esclusivamente dalle diciotto alle ventuno. In un contesto incantevole, ho avuto la possibilità di fare una bella passeggiata sui monti con un ragazzo locale, che per due ore ha saltellato a piedi nudi tra rocce, erbacce e fango.

________________________________________________
ALTOPIANO CENTRALE

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(33)-06/06/2015 suv-Antsirabe: (34) 07/06 Ranomafana: (35) 08/06-Fianarantsoa: Dopo i due bei giorni ad Andasibe si riprende la strada per Antananarivo, puntando in direzione sud sulla micidiale RN7. In tre tappe percorriamo 500 km di altopiano, tutto oltre i mille metri, caratterizzato da paesaggi stupendi, incredibili scenari, colori, visi, costumi e cruda realtà. Valli fertili fondamentali per l'agricoltura, sostengono le due grandi etnie delle hautes terres, i Merina ed i Betsileo. La strada ed i vari mercati di paese sono i punti nevralgici di vendita ed è il classico esempio di prodotti a km zero. Tutto resta nell'ambito del territorio e si produce il possibile, dal riso agli ortaggi, dalla frutta alle fibre per tessuti, dal riciclo dell'alluminio alla lavorazione del legno. Gli animali sono altresì importanti ed il zebù, onnipresente sui pascoli, è il bovino per eccellenza, quindi pollame e pesci di fiume. Varie soste nei villaggi e la costante osservazione della quotidianità, hanno rafforzato l'idea dell'estremo disagio di questa gente, con nuclei familiari numerosi ed una infinità di bambini. Molti non hanno energia elettrica, si spostano sempre a piedi, nei campi non ho visto un mezzo motorizzato e sembra proprio che il progresso qui sia uno sconosciuto. La maggior parte delle case è in legno, nessuna ha la canna fumaria ed il camino sul tetto, si cucina in una stanza con il fumo nero della legna che annerisce pareti e la parte esterna della finestra. Si vive con poco, i bambini hanno abiti trasandati, camminare a piedi nudi è normale e si fatica tanto per sopravvivere. Tra queste povere popolazioni è molto forte l'attaccamento alle tradizioni e la più presente è la credenza del potere dei defunti e degli antenati. Oltre al funerale ed alla sepoltura nel punto più alto del paese, c'è l'usanza della riesumazione del cadavere entro sette anni, durante l'inverno malgascio. Il defunto viene riportato alla luce per essere riavvolto in un nuovo sudario di seta e portato in giro per mostrare i cambiamenti dopo la morte.

________________________________________________
SUD MADAGASCAR

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(36)-09/06/2015 suv-Fianarantsoa-Isalo: Prosegue la RN7 ma termina l'altopiano che lascia il posto a terreni aridi e villaggi ancora più poveri- Si entra nel sud Madagascar ed il colore del paesaggio cambia radicalmente assumendo tonalità grigio marrone, tipiche delle montagne rocciose e delle terre incolte. In certi villaggi affiora la vera povertà, frutto di privazioni e mancanza di sostentamento, dove la terra non offre il minimo sostegno alimentare e la gente non ha di che vivere. Paradossalmente il viaggio riserva visioni incredibili, con montagne e vallate bellissime che avvolgono un cielo azzurro ed un sole brillante. Oasi naturalistiche si trovano all' Anja park ed al National park Isalo, completamente diversi ma con lemuri che vanno ad integrare le specie viste in altri siti. L'Anja park pur con dimensioni ridotte permette di vedere da vicino molti lemuri e camaleonti mentre l'Isalo park è unico per le montagne rocciose, le vedute spettacolari, il canyon, le cascatelle, i lemuri ed i camaleonti. E dulcis in fundo, sulla RN7 che finisce a Tulear, si incontrano i baobab che catturano le prime luci dell'alba, riflettendo sul maestoso busto tutta la luce che riscalderà la valle ed i suoi abitanti.

________________________________________________
ANAKAO

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(37)-11/06/2015 suv-Tulear-scafo Anakao: Arriviamo a Tulear leggermente in ritardo ed il mare inizia a riempire la spiaggia con l'alta marea. Saluto Jo che ritorna da solo ad Antananarivo ed un carro trainato da zebù mi trasporta fino allo scafo che in un ora approderà ad Anakao. Esperienza non bella con il carro che scivola sul fondo melmoso, ed in alto mare lo scafo che salta sballottato dalle onde nervose. Anakao è un piccolo villaggio di pescatori e si trova sulla costa del sud Madagascar. Ci sono alcuni resort che occupano metà litorale ed il resto è territorio dei pescatori che vivono in un ambiente incontaminato. Non ci sono strade, energia elettrica ed un centro residenziale, solo casette in legno e piroghe rudimentali per la pesca in alto mare. Quando si passa dal villaggio, bisogna stare molto attenti, tutto finisce sulla spiaggia, resti di pescato, lattine arrugginite, cocci di vetro ed i bisogni fisiologici che grandi e piccini lasciano a pochi metri dal mare. Non certo un bella visione ma è il loro modo di vivere, con bambini semi nudi e donne accovacciate senza nessun problema, anche al cospetto dei pochi turisti. Il mare è molto bello e pulito, acqua fredda e tutto quello che finisce in mare, mi sconsigliano nel fare il bagno, lasciando lo spazio per belle passeggiate e foto che catturano momenti spensierati e sorrisi in generale.

________________________________________________
TULEAR

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(38)-14/06/2015 scafo Tulear: (39) 17/06 suv Antananarivo.: In attesa del volo per Antananarivo, mi sposto con un giorno di anticipo a Tulear ed ho così modo di vedere altri villaggi di pescatori. Fortunatamente il rientro coincide con la bassa marea e non ho il disagio dell'andata. Anche qui solito bel resort e per l'ennesima volta sono l'unico ospite. Di prima mattina il mare è ancora ritirato e donne e bambini cercano nel fango molluschi e bisce. Prima di mezzogiorno i pescatori rientrano per l'inizio dell'alta marea e lo scenario cambia totalmente con l'acqua che arriva quasi a ridosso delle case in legno.  Sono alla fine del viaggio e devo dire che i timori iniziali hanno ben presto lasciato il posto ad una situazione tranquilla ed affascinante, grazie anche al supporto di Jo che mi ha stoppato in posti dove era consigliabile tenere un atteggiamento prudente. L'altopiano è un posto veramente incredibile con paesaggi e persone uniche, mentre il sud mi ha liberato completamente da ogni timore scaricando sulla macchina fotografica tutte le sensazioni e le sofferenze dei malgasci. Ho avuto problemi solo con la profilassi anti malarica con febbre e dolori intestinali, passati dopo aver interrotto in anticipo l'assunzione della pillola giornaliera. Per il resto una bellissima esperienza, che ricorderò per i parchi, i lemuri , i paesaggi ma particolarmente per il contatto con la gente e per i sorrisi catturati dalla mia nuova Canon. Con queste belle immagini lascio il sud Madagascar con parecchie traversie per uno sciopero dei piloti che mi fa perdere l'aereo per la capitale ed il successivo volo su Mauritius. Rimango a Tulear due giorni poi decido di rientrare ad Antananarivo in macchina, scelta obbligata ma terribile, 17 ore e mille km sulla NR7, strada piena di buche e curve. Prima o poi qualche intoppo doveva capitare e son costretto a restare due giorni in più anche ad Antananarivo per il protrarsi dello sciopero.

VEDI ALTRE TAPPE DEL GIRO DEL MONDO IN 800 GIORNI

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------