info@forvezeta.it

home
giro mondo 2017-2020
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

bulgaria 2017 romania 2017 ungheria 2017 austria 2017 rep.ceca 2017 polonia 2017 estonia 2017 russia 2017 mongolia 2017 cina 2017 nepal 2017 hong kong 2017 nepal 2018 usa 2018 brasile 2018 uruguay 2018

 

UNGHERIA

L'Ungheria si trova al centro dell'Europa continentale ed è priva di sbocchi al mare. Il suo territorio occupa per larga parte la zona settentrionale della Pianura Pannonica, ed è quasi esclusivamente pianeggiante. Confina a nord con la Slovacchia, a est con l'Ucraina e la Romania, a sud con la Serbia e la Croazia e a ovest con l'Austria e la Slovenia. La capitale e città principale è Budapest. La Repubblica Popolare d'Ungheria fu il nome ufficiale dello Stato ungherese durante il periodo comunista. Il 23 ottobre 1956 inizia la rivoluzione ungherese ed il 1º novembre, l'Ungheria esce dal Patto di Varsavia. Tre giorni dopo l'Armata rossa invade il Paese e i moti rivoluzionari vengono repressi. con oltre 3 000 vittime. Il 23 agosto del 1989 l'Ungheria inizia a smantellare la Cortina di ferro, causando l'esodo di migliaia di tedeschi della DDR e quindi la caduta del Muro di Berlino. Con la caduta della Cortina di ferro e il conseguente scioglimento del Patto di Varsavia, la dissoluzione dell'Unione Sovietica e il rovesciamento del sistema comunista, il paese si orienta verso modelli economici e politici dell'Europa occidentale. La Repubblica popolare cessò di esistere nel 1989 a seguito delle proteste di piazza che portarono all'apertura della democrazia da parte di tutti i paesi appartenenti al blocco orientale. Nel vertice Ue di Copenaghen svoltosi il 13 dicembre 2002, fu deciso che dal 1º maggio 2004 l'Ungheria (assieme ad altri 9 Stati) entrasse a far parte dell'Unione europea. (fonte Wikipedia)

________________________________________________
BUDAPEST

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(03)-09/06/2017 aereo Bucarest-Budapest: Vista l'esperienza negativa in treno e la non voglia di affrontare un viaggio notturno, prenoto un comodo volo aereo che in meno di due ore mi porta a Budapest. Cielo azzurro e caldo estivo, contribuiscono a rendere la capitale dell'Ungheria bella, accogliente e visitabile in tutti i suoi punti caratteristici. La città e' un gioiello, molti sono i siti da vedere, sia dalla parte Buda, dove spicca il Palazzo Reale, sia dalla parte di Pest dove invece si trova il Parlamento. Risale al 1873 l'unione tra le due città divise dal Danubio, che diede origine al più grosso centro magiaro, che ora conta oltre due milioni di abitanti. Un simile patrimonio non può che essere meta privilegiata di turisti da tutto il mondo e le statistiche dicono che sia tra le 25 città più visitate del globo. Ogni angolo di Budapest e' preso d'assalto, e' tutto assolutamente free a parte i tour e la navigazione sul Danubio. Buda e' arroccata sulle colline, e' associata con un tenore di vita più elevato, ha il Castello o Palazzo Reale come simbolo, dichiarato patrimonio dell'UNESCO nel 1987. Collegato ad esso c'e' la Piazza della S. Trinità con il monumento di S. Stefano, il Bastione dei Pescatori con le 7 torri che rappresentano le 7 tribù magiare che si insediarono nel bacino dei Carpazi nel 896 e la Chiesa di Mattia, dedicata alla Madonna. La parte di Pest vede la grande architettura neogotica del Parlamento, dove si riunisce l'Assemblea Nazionale di Ungheria, dopo l'abbandono del bicameralismo. Molto visitati anche la Basilica di S. Stefano, fondatore dello stato d'Ungheria, la Sinagoga, la più grande d'Europa ed il Mercato Centrale, interamente coperto, situato alla fine della via dello shopping Vaci Utca ed in corrispondenza del Ponte della Libertà. Gran bella città che meriterebbe però una migliore immagine, troppi sono i senza tetto per strada, le vie sporche ed i giovani ubriachi. Il fine settimana e' una cosa insopportabile, orde di giovani bevono a più non posso e gridano tutta notte, indisturbati e senza controllo della polizia. La maggior parte son stranieri alla ricerca di facili avventure, che inevitabilmente finiscono aggrappati alle bottiglie, mostrando il peggio di loro stessi. Veramente uno schifo, che si unisce ai tanti homeless che bazzicano sul marciapiede e chiedono soldi, non per mangiare, ma per ubriacarsi. Niente di pericoloso, ci vorrebbe più impegno da parte delle istituzioni a garanzia del quieto vivere, per poter così gustare Budapest di notte come di giorno.

 

VEDI ALTRE TAPPE DEL GIRO DEL MONDO DUE

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------