info@forvezeta.it

home
giro mondo 2017-2020
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

bulgaria 2017 romania 2017 ungheria 2017 austria 2017 rep.ceca 2017 polonia 2017 estonia 2017 russia 2017 mongolia 2017 cina 2017 nepal 2017 hong kong 2017 nepal 2018 usa 2018

 

HONG KONG

Hong Kong, letteralmente "porto profumato" è una regione amministrativa speciale della Cina, è famosa per la sua preponderante skyline e per il profondo porto naturale. Con una superficie di 1.104 km2 (circa un terzo della Valle d'Aosta) e una popolazione di sette milioni di persone, è una delle aree più densamente popolate del mondo. Hong Kong è uno dei centri finanziari internazionali più importanti e vanta una grande economia capitalistica basata sul settore terziario e caratterizzata da una bassa imposizione fiscale e dal libero scambio. La valuta, il Dollaro di Hong Kong, è l'ottava valuta più scambiata al mondo. La mancanza di spazio e il crescente numero di abitanti e di infrastrutture, hanno portato la città ad avere una intensa densità di costruzioni, rendendola la città più verticale al mondo. Secondo Emporis, vi sono 1294 grattacieli a Hong Kong, mettendola così in cima alla classifica mondiale. L'alta densità abitativa e il suo skyline sono dovuti ad una mancanza di spazi disponibili, con appena 1,3 km di distanza media tra il porto e le ripide colline. Trentasei dei 100 più alti edifici residenziali al mondo si trovano a Hong Kong. La densità ha portato anche allo sviluppo di una avanzata rete di trasporti pubblici. I cittadini che ne usufruiscono sono superiori al 90%, la percentuale più alta al mondo. Hong Kong gode alte posizioni in numerose classifiche internazionali. Per esempio, nella libertà economica, nella competitività economica e finanziaria, nella qualità di vita, sul contrasto alla corruzione e nell'indice di sviluppo umano, la regione è sempre classificata fra i primi posti. Secondo le stime sia dell'ONU sia dell'OMS nel 2012 Hong Kong ha avuto la più lunga aspettativa di vita di qualsiasi altra regione del mondo. I cittadini di Hong Kong vantano uno dei redditi pro capite più alti al mondo.  (fonte Wikipedia)

________________________________________________
HONG KONG

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(23)-12/12/2017 aereo Kathmandu-Hong Kong: A Hong Kong mi ritrovo con mio figlio Marco che arriva direttamente dall'Italia, approfittando delle vacanze natalizie. Io lo precedo di una decina di giorni e per prima cosa mi procuro il visto cinese, per le successive tappe. Per una settimana scelgo un albergo sulla penisola di Kowloon, mentre con Marco, mi sposto sulla carissima isola di Hong Kong. Con la spettacolare metropolitana e gli altri sistemi di trasporto, si può raggiungere qualsiasi destinazione a poco prezzo e velocemente. Utilissima la card ricaricabile "Octopus" che oltre ad essere abilitata al pagamento a scalare su ogni mezzo pubblico, viene accettata in molti punti vendita come negozi, bar, ristoranti e fast food. Hong Kong e' sede di grandi banche ed immensi centri commerciali, dove il dollaro locale viene movimentato a ritmi vertiginosi. Sarà stato anche il periodo natalizio ma i negozi erano sempre pieni, in modo particolare quelli di grandi marche italiane. Come in tutti i posti dove il reddito pro capite e' molto alto, l'impatto dell'euro e' traumatico e per noi, qualsiasi cosa diventa molto cara e svantaggiosa. La città ha uno skyline definito il più bello al mondo, con oltre mille grattacieli racchiusi in un fazzoletto. La vista serale dalla baia e' veramente strepitosa e non ci sono problemi essendo estremamente sicura. Tra le attrazioni serali viene raccomandata la Symphony of lights, luci laser sparate dai grattacieli verso il canale Victoria Harbour, entrata nel Guinness dei primati come lo spettacolo permanente di luci e suoni più vasto del pianeta. Il punto più alto di Hong Kong e' il Victoria Peak (554 mt) che si raggiunge con un tram che risale ad oltre cento anni fa. Lo spettro di una lunga attesa ci ha portato ad affrontare la salita tra viuzze e scalinate, mentre la discesa l'abbiamo fatta su un percorso pedonale, tra il verde. Il panorama dal Peak e' molto bello e si vedono i grattacieli che puntano il cielo, le isole maggiori ed il porto. Attimi di relax nel Nan Lian Garden, al Museum of History ed alla lontana Lantau Island con salita in bus a Ngong Ping, per ammirare la statua di bronzo del Tian Tan Buddha. Approfittando di una bella giornata di sole, bella scarpinata sul percorso Dragon's Back, un trail che porta a Shek O Village con la Big Wave Bay Beach, meta preferita dai surfisti. Anche qui bel percorso nel verde e vista sulla costa ad est di Hong Kong. Una delle cose che mi son piaciute di Hong Kong e' l'uscire in poco tempo con la metro e catapultarsi in ambienti spettacolari, nella natura selvaggia dove sembra di essere in un altro mondo.

________________________________________________
MACAO

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(24)-24/12/2017 aliscafo Hong Kong-Macao: La distanza tra Hong Kong e Macao e' di 60 km e con un aliscafo veloce, impieghiamo circa un'ora per raggiungere la regione più densamente popolata del mondo. Al pari di Hong Kong e' una regione amministrativa speciale della Cina ed ha autonomia in tutto, ad eccezione delle relazioni diplomatiche e la difesa nazionale. E' la Las Vegas asiatica e gran parte dell'economia locale e' rappresentata dal gioco d'azzardo e dal turismo. Dato il poco tempo a disposizione per una toccata e fuga giornaliera, optiamo per un bus turistico che ci scorazza per la città e non perdiamo l'ingresso al Grand Lisboa, la visita all'affollatissimo centro storico ed al tempio A-MA edificato nel 1448 e dedicato alla Dea Matsu. Macao non ha campagne, foreste o boschi a causa dell'urbanizzazione totale ed i grandi casinò si sono impadroniti dell'isola di Taipa, collegata da lunghissimi ponti. Qui ci sono le copie esatte di alcuni casinò di Las Vegas ed il Venetian ci ha ricordato la bellissima esperienza di Marco nel main event World Series of Poker 2010, disputatosi nella celebre città del Nevada..  

________________________________________________
SHANGHAI

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(25)-27/12/2017 aereo Hong Kong-Shanghai: Fatto il Natale ad Hong Kong, ci spostiamo a Shanghai, nella Repubblica Popolare Cinese, per festeggiare il nuovo anno. La città situata sul fiume Huangpu e' la più popolosa al mondo con ben 27 milioni di abitanti e per la sua vastità, gode dello status di provincia. La rete stradale non e' mai congestionata e non sembra minimamente di essere in una realtà così grande, grazie soprattutto ad un sistema di trasporto efficiente. La linea di autobus urbani  e' la più ampia al mondo e la metropolitana si sviluppa per 530 km, con la linea 11 lunga ben 72 km. Dall'aeroporto al centro città e' in funzione il MagLev, un treno a lievitazione magnetica che viaggia senza toccare le rotaie. Per coprire i 33 km impiega 7 minuti e quello che abbiamo preso, ha raggiunto i 431 km orari. Il cuore di Shanghai e' la Nanjing Road, area pedonale dove si affacciano negozi, centri commerciali, bar ed i più famosi alberghi. Alla fine si arriva al Bund, viale lungo la riva sinistra del fiume, che grazie ad una passeggiata pedonale sopraelevata, permette di godere dello skyline di Pudong, con tutti i suoi grattacieli. La notte di capodanno tutti si sono riversati al Bund, in attesa dei festeggiamenti per l'anno nuovo. Un imponente servizio di sicurezza ha blindato la zona e ci si aspettava uno spettacolo fantastico con i grattacieli illuminati a giorno. Invece una delusione pazzesca, allo scoccare della mezzanotte, scandito dall'orologio del Palazzo della Dogana, si e' levato un timido "eehh" e nessun botto, niente spettacolo pirotecnico, zero bottiglie stappate. Mai visto un capodanno simile, la gente timidamente si e' ritirata ed in terra non e' rimasto nemmeno un misero bicchiere di carta. La Cina e' anche questo, il loro nuovo anno arriva il 16 Febbraio, entrambi non si possono festeggiare. Luoghi di interesse non mancano a Shanghai, molti sono gli edifici in stile europeo nella zona del Bund, mentre la Pudong New Area e' caratterizzata da parecchi grattacieli oltre i 400 mt.  Siamo stati sul Shanghai Tower, secondo grattacielo più alto al mondo, con 632 mt e 132 piani, in una giornata con vista limitata per la nebbia. Comunque interessante scoprire che questo mostro e' stato progettato pensando anche all'impatto ambientale, con notevole riduzione delle strutture in acciaio, minore condizionamento dell'aria interna, garantito dal doppio strato isolante dei vetri e risparmio di energia grazie a delle turbine eoliche. Non poteva mancare la visita alla casa museo dove venne fondato il Partito Comunista Cinese ed il 23 Luglio 1921, si svolse il primo congresso nazionale.

________________________________________________
PECHINO

MOBILE GALLERY           PC GALLERY

(26)-02/01/2018 treno Shanghai-Pechino: La distanza tra Shanghai e Pechino e' di 1300 km e la affrontiamo con il treno veloce G, che viaggia a 350 km orari ed impiega 4h30'. Rispetto alla mia precedente visita di fine Agosto, Beijin mostra i segni dell'inverno con alberi spogli, vegetazione marrone, temperature sotto lo zero e vento gelido. In compenso l'aria e' respirabile e non solo per il vento che la tiene pulita ma in particolar modo per le restrizioni all'uso del carbone ed interventi sulle fabbriche inquinanti. Il cielo azzurro ci accompagna per quasi tutta la permanenza e la visita alla Città Proibita (The Forbidden City), alla piazza Tienanmen ed a Qianmen Street e' fortemente condizionata da un vento gelido che ci costringe ad affrettare il passo. Di turisti se ne vedono pochi e di positivo resta la mancanza di file con controlli veloci alle entrate. Fa abbastanza impressione vedere il fossato che delimita il perimetro della Città Proibita completamente ghiacciato e piazza Tienanmen quasi deserta. Ma quello che mi ha lasciato di sasso e' stato vedere la muraglia cinese a Mutianyu in un contesto che mai avrei immaginato. Qui avevo passato 4 giorni salendo dal piccolo villaggio di Beigou, in mezzo al verde e con immagini fantastiche della montagna che ospita la muraglia, ora la ritrovo spelacchiata e priva di fascino. A Gennaio e' raro trovare una giornata serena e soleggiata a Mutianyu, ed almeno questo ci permette di visitare la meraviglia del mondo con calma e fare buone foto. Stesso discorso anche per l'immenso Summer Palace, privato dei suoi magnifici fiori e con il grande lago ghiacciato, per la gioia dei bambini che si divertono con le slitte. In Pechino, sempre ben coperti, visitiamo il Temple of Heaven, il Lama Temple, il Confucian Temple ed il Temple of the Sun. Per quanto riguarda il cibo, non siamo stati molto fortunati nelle scelte ad Hong Kong, mentre a Shanghai e Pechino abbiamo sempre mangiato e bevuto bene. Complessivamente e' stata una bella parentesi, non ci sono stati problemi e siamo riusciti a fare quello che avevamo in programma. Marco torna in Italia e sarà ancora alle prese con il freddo, mentre io riprendo la via del Nepal ed incontrerò temperature primaverili in quel di Pokhara.

VEDI ALTRE TAPPE DEL GIRO DEL MONDO DUE

 ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------