info@forvezeta.it

home
2° giro del mondo
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

 

MARATONA PRAGA 2017
MOBILE GALLERY     PC GALLERY     CLASSIFICA     CERTIFICATO

Dopo la maratona di Londra volo in Scozia a rigenerarmi per una decina di giorni, tra Glasgow ed Edimburgo. Le temperatura basse, i fantastici parchi ed i pub accoglienti, contribuiscono al recupero muscolare e fisico. Rientro giusto per svuotare lo zaino, passare tutto in lavatrice e fare un test sui 15 km al Parco Callioni, concluso con sensazioni ottime. Mi rimetto in volo venerdì ed arrivo di primo pomeriggio a Praga, capitale della Repubblica Ceca e sede della 23^ edizione della Volkswagen Marathon. Passo subito all’Incheba Expo per il ritiro pettorale e come prassi, mi metto a curiosare e noto che gli stands di promozione delle maratone internazionali, sono in buona parte appannaggio degli italiani. Sabato dedicato al relax ed alla visita della città con doveroso raccoglimento di fronte alla lapide che ricorda Jan Palach. Lo studente di filosofia, si diede fuoco il 16 Gennaio 1969 in Piazza Venceslao per “protestare e scuotere la coscienza del popolo sull’orlo della disperazione e rassegnazione”, contro l’occupazione delle truppe sovietiche, che hanno stroncato la rivoluzione democratica reclamata dal popolo cecoslovacco, famosa come la Primavera di Praga. E proprio in questa Piazza si ha il primo approccio con la maratona la Domenica mattina, con la consegna delle sacche indumenti. Incontro Giulia (Maratona) in sgargiante divisa Fo’ di Pe, molto preoccupata per una contrattura al polpaccio. Nonostante il suo trainer (Coscia), gli abbia suggerito di non partecipare, Lei e’ pronta a soffrire e portare a termine la gara. Da parte mia invece nessun problema, sono molto motivato e fiducioso di abbattere le 3h30’’, obiettivo prefissato per Londra e/o Praga. Gli iscritti sono 10.600, il massimo che può ospitare questa manifestazione, che si sviluppa totalmente in città. Le griglie sono ordinate per tempi dichiarati e nonostante avessi inserito 3h30’, mi ritrovo nel settore G, molto lontano dallo start. La classifica viene stilata per tempo allo sparo e non real time e siccome non voglio rivivere lo stress di Londra, faccio lo gnorri e scavalco la transenna per entrare nel settore C. La posizione mi aggrada e quando nella Piazza dell’orologio si sente il primo rintocco delle nove, seguito dallo start a ritmo di musica, parto spedito perdendo solo una trentina di secondi. Dopo la via dello shopping si attraversa il ponte sulla Moldava con vista sul Castello e la Cattedrale di S. Vito, con le prime insidie del ciottolato, delle rotaie del tram e dei saliscendi. Al 2° km inizia la parte più scenica della gara con l’attraversamento del ponte Karluw Most, sorvegliato dalle 30 statue dei santi ai lati. Sembra irreale vedere questo simbolo di Praga completamente sgombro, senza ambulanti, musicisti e la massa di turisti che lo attraversano ad ogni ora. Fino al km 8 si costeggia il fiume e poi si risale dalla parte opposta con il diecimila che passo in 46’56’’. Poco prima e’ posizionato il cartello dei 39 km e tengo presente questo tratto perché risulta particolarmente insidioso, con due sottopassi ed una bella salita finale. Il percorso non e’ veloce, ponti, curve, fondo stradale e sottopassi variano il ritmo, anche se diversi vialoni permettono di recuperare e godere la parte storica di Praga. Corro bene ed a sensazione, evito di andare in affanno e sfrutto il clima benevolo per mantenere un passo constante. Finalmente si nota anche il pubblico quando si transita nella Piazza dove e’ posto l’arrivo, passaggio emozionante tra due ali di folla. Si prosegue nel centro abitato fino al 15° km quando ci si ributta a ridosso della Moldava in un tratto lineare ed abbastanza veloce. Superato l’ennesimo ponte si entra in una zona decentrata dove e’ posta la mezza maratona, che mi conforta con il tempo di 1h38’58’’. Le gambe rispondono bene, non ho indolenzimenti particolari, mentalmente sono carico e lucido e continuo mantenendo il ritmo fino al 25° km. Alle 11:00 il meteo dava pioggia ed invece il sole picchia sulla testa, la temperatura sale oltre i 15°, la zona e’ bruttina, con poco pubblico, inversioni di tracciato, salitelle. Ho tutto il tempo per ragionare, quindi mi faccio due conti e se mantengo una media intorno al 4’50’’, finisco con un gran crono. I ristori sono numerosi e quasi tutti con Gatorade, continuo a sorseggiare la bevanda, in bicchieri di carta, sperando non compaiano i crampi. Passo al 30° in 2h21’ e 35° in 2h45’, ormai e’ fatta, vado via senza forzare, bagnandomi la testa agli spugnaggi. Arrivato al 39° e memore del passaggio precedente, affronto il finale in scioltezza e quando il pubblico comincia ad aumentare sono in prossimità del traguardo. Inizio ad esultare molto prima del 42° km, a dare il cinque ai bambini e quando arrivo sulla stuoia blu a pochi metri dal finish line, lancio un grido di gioia che attira una troupe di operatori TV. Mi fanno l’intervista e solo dopo realizzo il tempo finale, 3h23’33’', quarto di categoría MM60. Fantastico, troppo felice per il risultato e per la gestione della gara ma soprattutto per non avere crampi, non mi sembra vero, saltello e faccio il galletto, scherzo con le ragazze che mi consegnano medaglia e sacca indumenti, quindi mi avvio felice verso l’albergo. Nel frattempo Maratona termina la sua sofferenza dopo 4h41’59’’ con real time 4h36’40’’. Tostissima. Gara maschile vinta allo sprint dall’Etiope Abraha Gebretsadik in 2h08’47’’ sul connazionale Work Bazu 2h08’48’’, terzo Ayenew Mekuant in 2h09’00’’. La keniana Aiyebei Valary Jemeli sigla il nuovo record della corsa al femminile in 2h21’57’’, seconda Beriso Amane, 2h22’15’’ e terza Bekele Tadelech, 2h22’23’’. Su un percorso non certo facile e potenzialmente insidioso per i tanti tratti di ciottolato, ponti e sottopassi, si e’ vista comunque una buona organizzazione, coreografie con bande musicali ed alcuni scorci panoramici di rara bellezza. Archivio la mia trentesima maratona estera con immensa gioia, e’ andata come meglio non poteva. A sole 2 settimane dalla maratona di Londra, abbasso il tempo di 13 minuti e metto nelle gambe un’altro bel lungo per il Passatore di fine Maggio. Riceverò in regalo anche questa emozione per i miei 60 anni. 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------