info@forvezeta.it

home
2° giro del mondo
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

 

REYKJAVIK MARATHON 2012
classifica  -  foto reykjavik  foto islanda  -  certificato

Reykjavik, principale citta' dell'Islanda, è la capitale di stato più a nord del mondo. La vicinanza al circolo polare artico fa si che in Giugno e parte di Luglio non ci sia la notte. In inverno le ore di chiaro sono poche e molto raramente le temperature scendono al di sotto dei -15 °. Questo avviene perché il clima costiero islandese e' mitigato dalle calde acque della Corrente del Golfo. La città, che conta circa 120.000 abitanti, è caratterizzata dalla presenza di tante piccole case colorate, rivestite in lamiera. Non esistono costruzioni antiche, gli insediamenti iniziarono sul finire del 1700 quando la popolazione raggiunse le 200 unità. Il 18 Agosto ricorre  l'anniversario della fondazione (1786) ed è festa grande con eventi e mostre durante il giorno mentre di sera spazio a concerti rock e fuochi d'artificio. La mattinata si apre in strada con la maratona, la mezza, i 10 km e la 3 km per famiglie, il tutto per raccogliere oltre 12.000 partecipanti e 1300 stranieri. Sulla 42 km non si arriva a 700 iscritti, la temperatura è intorno ai 16 gradi e alle 8,40 partenza unica per attraversare subito il laghetto Tjornin ed affacciarsi dopo un km sulle sponde dell’oceano. I primi 15 km sono un bel piattone con vista sull’Atlantico, poche curve, ideale per mantenere un’andatura regolare. Dal 16° al 30° si entra in un area collinare attraversata da un torrente ricco di Salmoni e che è caratterizzata da 60 tipi di uccelli. La ciclabile, ritrovo di molti runners, segue la morfologia della zona e quindi ci sono delle variazioni di pendenza che incidono sulla tonicità muscolare. Dal 30° km si passa dall’Aeroporto e si ritorna sull’Oceano, sempre seguendo la ciclabile che porta all’estremità della costa, dove svetta il faro più alto d’Islanda. Questa area paludosa è protetta per la presenza di molte specie animali e cambia totalmente quella che era la visuale di corsa. Il sole lascia il posto ad una fitta nebbia ed è da cartolina lo sfondo di Reykjavik visibile solo nella parte alta. Il passaggio al vecchio porto segna l’ultimo km e quando si incrocia il lungo viale d’arrivo, la folla, fino a quel punto inesistente, accoglie i maratoneti con un caloroso applauso, che continua fino al punto d’arrivo. L’organizzazione è stata nella norma, cartelli kilometrici e ristori da migliorare ma la continua corsa a fianco dell’Oceano cancella qualsiasi inefficienza. La mia gara è stata regolare fino al 30° dove ho mantenuto i 5’ al km, poi progressivamente ho subito un calo per concludere al 185° posto in 3h43’27’’, terzo Italiano. Contentissimo per non essermi mai fermato, per essere ritornato su tempi accettabili e per aver messo basi concrete per un futuro miglioramento.

    

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------