info@forvezeta.it

home
giro mondo 2017-2020
1░ giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

 

MARATONA COPENAGHEN 2012
classifica  -  foto forvezeta  certificato

A Copenaghen avevo passato 3 giorni nel tour scandinavo estivo 2011. Subito mi era balenata l'idea di ritornarci per la Maratona ed ecco arrivato il momento. Dopo diverse esperienze in compagnia di amici f˛ di pe e non, si ritorna alle origini ed affronto da solo questa avventura. Parto di buon mattino, il sabato e nemmeno il tempo di chiudere gli occhi che l'aereo EasyJet si posa sulla pista di Kastrup, a pochi km dalla cittÓ. Mi si presenta una situazione freddina, cielo coperto, temperatura intorno ai 10 gradi, l'ideale per correre una maratona. Raggiungo velocemente il centro con la metro e mi avvio all'expo, cartina in mano. Ci vuole quasi un oretta, Ŕ nella zona dello stadio e voglio fare due passi. C'Ŕ parecchio movimento, i bambini hanno la loro mini corsa ed i genitori assistono incitando entusiasti. All'interno della spaziosa struttura ci son diverse proposte, purtroppo solo da guardare. In Danimarca i prezzi per la zona euro sono alti e non e' il posto per trovare le occasioni. Consegna pettorale veloce, pacco gara con la solita maglietta, una borraccia e qualche depliant. Per ritornare in centro opto per il bus (14 o 1A) mentre il sole fa la sua comparsa; la sera ci lascera' verso le 22 e sorgera' prima delle 5, preannunciando una splendida giornata. L'albergo centrale dove alloggio e' a meno di 1 km dalla zona partenza/arrivo, e in modo rilassato, lo lascio alle 8,45 di Domenica mattina. Islands Brygge Ŕ la zona logistica della maratona, affacciata sullo specchio d'acqua in prossimitÓ di Christiania, quartiere parzialmente autogovernato, simbolo negli anni settanta delle comunitÓ giovanili.  Gli spazi sono abbastanza ristretti, i partecipanti oltre 12.000 e si fa fatica a orientarsi, ma non dovendo consegnare la sacca, mi metto in griglia ed aspetto lo start. Si parte alle 9,30 ed un pubblico numeroso saluta il serpentone. Facciamo la zona del centro e ci si dirige verso lo stadio tra due ali di folla. Non mi aspettavo una partecipazione di pubblico cosi' numerosa cosi' come la parte folcloristica, con musica, orchestrine ed attrazioni varie. Il percorso e' ben presidiato e abbastanza veloce nella parte iniziale per poi trasformarsi in un labirinto di curve, di tratti sconnessi e presenza di pietroni delle viuzze del centro. Il sole picchia per tutta la gara e la temperatura sale a 20 gradi lasciando nelle gambe di molti il segno dei crampi. Parto bene e passo ai diecimila in 52' e alla mezza in 1h52' e di conseguenza tento di arrivare al 30░ senza fermarmi. Raggiungo l'obiettivo in 2h49 e con l'unico grano di sale che mi e' rimasto, decido di non insistere sentendomi anche abbastanza stanco. Sul finale il percorso si fa tortuoso con tanti tagli sui marciapiedi ed il fondo sconnesso. I miei 2 allenamenti lunghi si son fermati a 26 km e non mi posso permettere di arrivare stremato e con i crampi. Chi mi riporta a casa poi? Non ho i fidi scudieri di Boston e l'aereo mi aspetta di li a poche ore.  Oltre al centro si toccano alcune ciclabili tra cui quella che fiancheggia la famosa statua della Sirenetta, appoggiata sullo scoglio, con lo sguardo rivolto verso il mare. Nel frattempo la gara ha giÓ i vincitori, in campo maschile l'atleta di casa Martin Parkhoi in 2h24'49'' ed in campo femminile l' Irlandese Barbra Sanchez in 2h41'17''. Tra corsetta, camminata e fotografie, raggiungo Islands Brygge senza pi¨ guardare l'orologio ed ho un sussulto solo nel finale quando la folla crea un corridoio umano e accompagna, con l'incitamento assordante, tutti gli atleti verso il traguardo. Concludo in 4h35'04'', soddisfatto per aver corso fino al 30░, per aver avuto buone sensazioni alla mezza e per aver vissuto una bella giornata, con tanta gente appassionata ad applaudire i concorrenti. Una bella maratona, con qualche pecca nel percorso ma che per entusiasmo, fascino ed organizzazione, si posiziona a ridosso delle top in Europa.

 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------