info@forvezeta.it

home
giro mondo 2017-2020
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

 

MARATONA PIACENZA 2010
classifica  -  certificato

A 15 giorni dalla bella prestazione di Valencia, ritorno in gara con la maratona di Piacenza. La città Emiliana ha messo in campo un'ottima organizzazione con una logistica maiuscola ed una marea di volontari, sia al centro maratona sia sul percorso. 42 km assolutamente chiusi al traffico e presidiati, non solo agli incroci ma anche ad ogni uscita privata, nella sperduta periferia, dove le uniche persone incontrate sono state appunto le forze dell'ordine ed i volontari. Peccato che per il titolo nazionale master e per il lustro della manifestazione, non si siano presentati al via i grossi numeri ed i grossi nomi. La giornata è di quelle fredde, evitato il rischio pioggia e neve, la minaccia  arriva dal vento, con improvvise folate gelide. Si passa da momenti di quiete a tratti dove è veramente difficile restare rilassati, con raffiche frontali o trasversali che ti obbligano a forzare per mantenere il ritmo. Maratona comunque veloce con un solo cavalcavia al 10° km e vialoni infiniti, passaggio suggestivo nel borgo storico di Grazzano Visconti e cuore della manifestazione nelle campagne Piacentine con una splendida visione sulle montagne appena innevate. Partenza dallo stadio comunale ed arrivo nella centralissima piazza dei Cavalli per i quasi 2000 concorrenti suddivisi nella maratona, 546 e mezza 1409. Euforico per la prestazione in terra di Spagna, parto con l'intento di stare almeno sotto le 3h10' e imposto un ritmo leggermente inferiore ai 4'30'' al km. I primi 10 km scivolano via anche leggermente più veloci mentre alla mezza, il vento inizia a farsi sentire e subisco un leggero calo. Cerco di mantenere il ritmo e con fatica ci riesco fino al 30° quando inevitabilmente calo di qualche secondo al km. Continuo a spingere per restare nei tempi stabiliti ma il vento e le tossine di Valencia non mi aiutano e mi portano a terminare in 99^ posizione con il tempo di 3h12'43''. Sono comunque contento, mi sono migliorato ancora, era importante confermare i progressi. Mi dirigo verso il deposito borse e trovo Rasta, felice per il personale di 3h11'29'', conquistato insieme ad Angelo Carrara.  La consegna delle sacche è un vero caos, i due addetti non riescono a destreggiarsi e si assiste ad un'invasione del settore con ritiro fai da te. Per la cronaca, la maratona viene vinta dal keniano Kipkering Metto Philemon, primo anche l'anno scorso e che conclude in 2h20.31. Per ritornare in zona stadio prendiamo una navetta e finalmente entriamo in un ambiente caldo dove possiamo rilassarci e mangiare qualcosa. Rientriamo a Bergamo in auto, soddisfatti e con buone premesse per le gare primaverili.               foto di Lousiana Lopez da podisti.net