info@forvezeta.it

home
2° giro del mondo
1° giro del mondo
viaggi nel mondo
gare disputate
maratone estere
maratone italia
racconti
chi sono

 

 

 

LAS VEGAS E IL WSOP

                        GALLERIA  FOTO

Tutto nasce da un torneo on-line vinto da mio figlio Marco che si aggiudica viaggio e soggiorno nel regno del gioco e l'iscrizione gratuita, che ammonterebbe a 10.000 dollari, al WSOP, World Series of poker, vale a dire campionato mondiale di poker. Las Vegas ha un unico obiettivo, coinvolgere i turisti nel sistema perverso del gioco e del divertimento e per arrivare a questo cerca in ogni modo di farti perdere la cognizione del tempo. Non esistono molte alternative, il caldo impossibile, regolarmente tutti i giorni sopra i 40 gradi, obbliga a stare nei lussiosissimi alberghi e nei rispettivi casinò, tutti uguali, pieni di slot e tavoli da gioco. All'aria aperta non è possibile fare attività fisica o ricreativa, di parchi e piste ciclabili nemmeno l'ombra, non si vedono runners, ciclisti o gente che semplicemente cammina. Non sono permesse distrazioni, gli orologi sembrano scomparsi, negozi di elettronica li trovi saltuariamente, gente alle prese con il telefonino quasi nulla. La temperatura tipica del deserto sembra il più grande alleato del business, le attrazioni della città sono proprio i grandi alberghi, tutti a tema e sfarzosissimi. Si va dal celeberrimo Caesar Palace, teatro dei più grandi incontri di Boxe, al Bellagio con le sue magnifiche fontane, alle rappresentazioni della Torre Eiffel a Disneyland, da New York alla Piramide e per finire il Venetian, nostro alloggio, il più visitato e spettacolare di tutti. Esternamente ti ritrovi il ponte di Rialto ed il campanile di S. Marco ed all'interno, tutto il secondo piano, gigantesco, è una rappresentazione fedele della laguna, di Piazza S. Marco e delle calle, con i gondolieri che trasportano i divertiti turisti, sotto un cielo azzurro, assolutamente finto. Tutto deve rimanere all'interno delle strutture ricettive, a pochi passi dalla sala giochi, persino certi soprapassi pedonali vi entrano direttamente. Di giorno ad ogni ora le slot mangiano soldi, le carte svolazzano sui tavoli e la pallina della roulette gira all'impazzata. La sera, la Strip, il viale dei grandi alberghi, il centro di Las Vegas, si illumina di mille colori e si riempie di turisti che cercano un pò di svago in attesa della notte, che per i più, significa Donne e Denaro. C'è molta richiesta di divertimento e ci sono figure come le escort, pronte a dare compagnia in cambio di Dollari, ma ci sono anche frotte di giovani che per il fine settimana arrivano solo per trovare l'occasione, la notte folle. Se le prime sono silenziose e discrete, le seconde invece sono chiassose, si ubriacano e vogliono sentire il profumo dei soldi. E poi ci sono i Night con le varie Girls ed i locali notturni pronti ad animare chi vuol spendere il proprio denaro al di fuori del Casinò. Questa in breve è Las Vegas, una città che offre alloggi a prezzi bassi per poi svuotarti le tasche con il resto, legalmente.

________________________________________________
LA MIA AVVENTURA

Le mie World Series sono iniziate una lunga notte del 13 Giugno, quando dopo molte ore di gioco ho avuto la meglio sull'ultimo degli avversari rimasti, l’incredibile era diventato realtà, avevo vinto il torneo-satellite e stavo per andare a giocarmi il Main Event WSOP a Las Vegas!!! Arriva finalmente il giorno della partenza e anche se il viaggio è lunghissimo (faccio scalo a New York) sono molto contento di trovarmi in un posto splendido come Las Vegas. Pernotto al Venetian, uno dei migliori Hotel Casinò della città delle luci, un posto pazzesco da visitare. Il 7 luglio son al Rio per vedere i miei idoli giocare il day-1c, da Joe Cada a Luca Pagano, da Phil Hellmuth a Danielino Negreanu, sono tutti lì.... li vedo dal vivo, guardo come giocano e cerco di imparare qualcosa, non mi accorgo nemmeno delle ore che passano, sono immerso in un mondo fantastico. Il giorno dopo tocca a me, la notte dormo tranquillo, alle ore 12 locali dell'8 Luglio inizia la mia avventura. La mia prima mano alle WSOP è magica, sono di buio ed ho K-2 di picche, al turn ho già centrato il colore e da lì a vincere la mano è un gioco da ragazzi.. ho vinto la mia prima mano giocata alle WSOP, chi l'avrebbe mai pensato che un giorno sarebbe successo anche a me. Gioco per 2 ore un buon poker, solido, concreto, arrivo alla pausa con oltre 37.000 chips, purtroppo il rientro dalla pausa è tragico. Con una coppia d’assi in mano, vengo distrutto dalla più improbabile delle doppie coppie, è l'inizio della fine per me, poco dopo dimezzo ulteriormente il mio stack con J-J contro A-A. Vado in bambola per una mezzoretta buona, il contraccolpo si fa sentire ma reggo ancora qualche ora vincendo piccoli piatti e mi trascino fin all’ennesima pausa. Dopo oltre 8 ore quando oramai il day-1 è sul finire e l’ante è già entrato in scena a queste WSOP vedo A-10, provo il più disperato degli all-in e mi schianto (ancora!) contro A-A. Un incubo......le carte non fan miracoli e al turn la matematica mi condanna. Le mie WSOP finiscono qui, resterà però per sempre intatta la gioia di esser stato a Las Vegas ed aver giocato l’evento più importante per un giocatore di texas hold'em. Esco con una promessa fatta a me stesso, un giorno tornerò a ri-giocarmi il Main Event, magari già dal prossimo anno.....magari!! Vedere le World Series of Poker da vicino è già di per se un evento straordinario, prenderne parte è semplicemente qualcosa di unico. Vinci un satellite on line ed all’improvviso vieni catapultato in quel mondo che WSOP_Girl.jpgmai avresti pensato di vedere da così vicino, anzi non lo vedi ma ne fai parte, anche se purtroppo solo per qualche ora. Questo è un tutto quello che mi è capitato. Catapultato a Las Vegas praticamente dall’oggi al domani a giocare le WSOP. Mentre mi aggiro nei corridoi del Rio faccio conoscenza con un simpatico australiano che mi racconta dispiaciuto la sua eliminazione del giorno prima, lo saluto, pochi passi ed ecco Luca Pagano, impeccabile, alcuni italiani lo riconoscono e lui gentilissimo si ferma a chiacchierare con loro. Incredibile l'arrivo in pompa magna del solito Phil Hellmuth vestito da pugile, il day1 sarà fatale anche a lui, mi ha stupito non poco vederlo tranquillo e rilassato, una volta eliminato, intrattenersi con i fan per foto e autografi. Per tutto il giorno vedo aggirarsi nei corridoi un altro personaggio di prima categoria: Chris Ferguson. Che personaggio!!! E' bello vedere come questi divi del poker alla fine siano delle persone come noi, gentili e sempre disponibili. Joe Cada per esempio, nonostante il braccialetto vinto, non si comporta per nulla da divo. Durante le pause l’ho visto più volte intrattenersi con i fan per qualche foto o un autografo. Nel tardo pomeriggio intravedo il nostro Max Pescatori al tavolo, mi metto proprio dietro di lui e seguo le sue giocate, lo osservo mentre chiacchiera tranquillamente al tavolo tra una mano e l’altra o mentre si appunta sull’I-phone numero di chips e un giudizio su come sta giocando. Mentre seguo Max mi accorgo di un aspetto di cui si dovrebbe sempre tenere conto: l’aria condizionata. Questa è una caratteristica di Las Vegas a Luglio, 50 gradi fuori e aria condizionata in modalità “Polo nord” all’interno di alberghi e casinò. D’obbligo presentarsi a maniche lunghe. Io ho avuto la sfortuna di passare il mio intero day1 con un vento gelido dietro il collo e se mai tornerò alle World series porterò con me un maglione con maniche lunghe e collo alto!!!!   MARCO